Gianni Regalzi

ogni scrittore può aprire un topic con il proprio nome o pseudo, all'interno del quale pubblicare le proprie poesie per tornare ad aggiornarlo in seguito con nuovi scritti..

Moderatori: Luca Necciai, ito nami

Gianni Regalzi
Sommo poeta
Messaggi: 1717
Iscritto il: 05/09/2008, 11:15
Località: Alessandria
Contatta:

Re: Gianni Regalzi

Messaggio da Gianni Regalzi »

ALLUCINAZIONI IPNAGOGICHE

Sono seduto sopra ad uno scoglio
e il vento canta lento la canzone
che tanto tempo fa per lei composi.

Corre un cavallo bianco sulla spiaggia
mentre una nube allunga la sua ombra.

C’è un caverna a lato della duna
con soli di ginestre e viole a mille
dove risuona ancora il suo sospiro.

Profumo di limoni, mare a spicchi,
perle di sale sopra la sua pelle.

In un momento s’alza forte il vento,
un turbinio di sabbia mi ferisce
e quell’ immonda onda mi sprofonda.

Alessandria, 21 dicembre 2012
Gianni Regalzi
(Dalla Raccolta “Silenzi e Pensieri” dir.ris.)
Gianni Regalzi
Sommo poeta
Messaggi: 1717
Iscritto il: 05/09/2008, 11:15
Località: Alessandria
Contatta:

Re: Gianni Regalzi

Messaggio da Gianni Regalzi »

HAIKU

L’estate avvampa
profumo di ginestre
sole negli occhi

Alessandria, 9 agosto 2013
Gianni Regalzi
(Da “Silenzi e Pensieri” dir.ris.)
Gianni Regalzi
Sommo poeta
Messaggi: 1717
Iscritto il: 05/09/2008, 11:15
Località: Alessandria
Contatta:

Re: Gianni Regalzi

Messaggio da Gianni Regalzi »

NON PULIRTI LA DENTIERA IN MUNICIPIO

Non pulirti la dentiera in municipio
te l’ho detto tante volte: “Stai attento”,
c’è l’usciere che è geloso e, se la lasci incustodita,
te la sfila di soppiatto con le dita.

L’impiegata con la gonna,
te la frega e per Natale la regala alla sua nonna.

L’assessore che è un birbante,
con la scusa della giunta comunale,
la seduta all’orinale, ti domanda:
“Fai provare?” e cosi, come un cretino,
t’accontenti di mangiar solo stracchino.

La dentiera è cosa sacra
lo ripeto dal principio,
non pulirti la dentiera in municipio.

Gianni Regalzi

Scritta durante una fila
all'ombra dell'ufficio anagrafe
del comune di Alessandria nel 1980
Gianni Regalzi
Sommo poeta
Messaggi: 1717
Iscritto il: 05/09/2008, 11:15
Località: Alessandria
Contatta:

Re: Gianni Regalzi

Messaggio da Gianni Regalzi »

HAIKU

l'aria s'inrosa
bela lontano il gregge
un altro giorno

Gianni Regalzi
Gianni Regalzi
Sommo poeta
Messaggi: 1717
Iscritto il: 05/09/2008, 11:15
Località: Alessandria
Contatta:

Re: Gianni Regalzi

Messaggio da Gianni Regalzi »

AN PISCINA TONC ANI FA

A l'è za nov e mèza, u sac l'è pront.

Vianeiza cou salam e murtadela,
'na buta 'd Coca Cola,
la maschera, el bucal e 'l pinni novi,
l'è ura d'anviares ala piscina.

La bici l'ho sgunfiaja l'ater dì,
a pas da riva Tani po u CVA
e sibit dop la anfon j'è la piscina.

A pag 10 liri e las
la biciclueta propi antel posteggio
e la piscina l'è zà lé cum specia.

Veloce pi d'in fulmin
a j'ho zà andoss i slip.

J'amiz i son zà ant l'acqua
e me, sensa spicè nonc in mimit
a fas u scanapeus e a son a moi.

Che bèl fè el bagn ant l'acqua bèla freusca,
la scola a l'è finija,
j'amiz i son ticc chi
e ansla sislonga u j'è
Baléta ch'al cuntrola.

D'allura u j'è pasà titt ina vita,
ma ogni tont a pens a cui mument
ch'i son propi nascost al fond al cor.

Un ven an po' ad magon e a pens ad ater!!!

Lisondria, 16 Utuber 2022
Gianni Regalzi
(Dai vègg ricord ad Gianni Regalzi)
Gianni Regalzi
Sommo poeta
Messaggi: 1717
Iscritto il: 05/09/2008, 11:15
Località: Alessandria
Contatta:

Re: Gianni Regalzi

Messaggio da Gianni Regalzi »

ALLUCINAZIONI

Ritorna molto spesso nella mente
quel lampo di follia nei Suoi occhi.

Ora c'è tanto buio,
davanti a me lo specchio arrugginito,
negli attimi infiniti ora mi perdo.

Non so se è oggi o ieri,
se arriverà domani.

Mi assale la paura,
subito dopo quiete
e dal profondo un grido mi addormenta.

Alessandria, 25 Tishri 5778 (15/10/2017)
Gianni Regalzi
(da “Silenzi e Pensieri” dir.ris.)
Gianni Regalzi
Sommo poeta
Messaggi: 1717
Iscritto il: 05/09/2008, 11:15
Località: Alessandria
Contatta:

Re: Gianni Regalzi

Messaggio da Gianni Regalzi »

‘NA SŰMIEUTA ‘NS L’OBELISCO

Chissà su j’è cucdeun ch’us viża ancura
ad cui invèr d’na vòta con la fiòca
quònd t’at svignavi a la maten bunura
e u j’era ant’la cüżein-na udur d’la Moka.

Al fava tònta frigg e ‘nsüma ai veder
‘t’avghivi tütt ‘l fiù ‘cme da ‘n fiurista
e ‘l fό d’la stiva, pròpi ‘cme ‘n s’in quader
an s’la miraja al fava ‘n po’ l’artista.

U j’era an s’la strà meż metr ‘d fiòca
ch’um fava sfundè quażi fin’ai snügg
e andava avònti ch’a żmiava ‘n’ òca
e ‘d gent rabatà ‘n tèra na j’era ‘n mügg.

Adess al fa pü frigg ormai da ani.
Pensè che ‘ns i pugiό ònche a Genaj,
j’hò fina vist del palmi co’l banani.
Andònda avònti acsé, aurijsa mai

che andònda a spasigiè ad ògni tònt
ans’èl mercà o anche ans’la Piaseuta,
a j’abu d’ancrużiè cucc elefònt
e ‘nsuma a l’obelisco ‘na sümieuta.

Lisòndria, 19 Nuvember 2007
Gianni Regalzi
(da “L'obiettivi e l'Anima”
foto artistiche di R.Novello e
Poesie in dialetto alessandrino di G.Regalzi)

TRADUZIONE dell'Autore
(La traduzione non segue la metrica
propria dell'originale privandone
della naturale musicalità
propria dell'originale in dialetto alessandrino)

UNA SCIMMIETTA SULL’OBELISCO

Chissà se c’è qualcuno che si ricorda ancora
degli inverni d’una volta con la neve,
quando ci si svegliava al mattino presto
e in cucina si sentiva il profumo della “Moka”

Faceva molto freddo e sui vetri
si vedevano i fiori come da un fiorista
e il fuoco della stufa, proprio come su un quadro
faceva sui muri l’artista.

C’era sulla strada mezzo metro di neve
si sfondava fino alle ginocchia
si camminava come le oche
e le persone scivolate in terra erano molte.

Ora non fa più freddo ormai da anni.
Pensate che sui balconi anche a Gennaio,
ho persino visto delle Palme con le banane.
Andando avanti in questo modo, non vorrei

che passeggiando ogni tanto
al mercato oppure in Piazzetta,
si incontri qualche elefante
e sopra all’Obelisco una scimmietta.

Gianni Regalzi
Gianni Regalzi
Sommo poeta
Messaggi: 1717
Iscritto il: 05/09/2008, 11:15
Località: Alessandria
Contatta:

Re: Gianni Regalzi

Messaggio da Gianni Regalzi »

HAIKU

trema l'occaso
tra un po' urlerà notte
vienimi accanto

Alessandria, 28. Tishri 5783 - (23/10/2022)
Gianni Regalzi
Gianni Regalzi
Sommo poeta
Messaggi: 1717
Iscritto il: 05/09/2008, 11:15
Località: Alessandria
Contatta:

Re: Gianni Regalzi

Messaggio da Gianni Regalzi »

L'ARMADILLO ROMPIBALLE
(L'ultimo sole di ottobre a volte nuoce. Ahahah)

Ho trovato un armadillo nel cassetto del comò
era lì belloccio e arzillo col pigiama sul paltò.

Domandai incuriosito perché stesse proprio lì
mi rispose che aspettava la polenta col salmì.

La polenta è terminata,
gli risposi lì per lì
resta solo l'insalata
che fa far tanta pipì.

Mi guardò un pochino offeso
e con fare lapidario
senza neanche salutarmi
balzò sopra il lampadario.

Io sorpreso e sbalordito
non sapendo cosa far
nel mio naso misi un dito
e mi avvia nel frigo bar.

Bevvi un litro di tequila,
non lo nego e lo confesso,
acchiappai quel armadillo
e lo gettai proprio nel cesso.

Alessandria, 24 Ottobre 2020
Gianni Regalzi
(dir.ris)
Gianni Regalzi
Sommo poeta
Messaggi: 1717
Iscritto il: 05/09/2008, 11:15
Località: Alessandria
Contatta:

Re: Gianni Regalzi

Messaggio da Gianni Regalzi »

L'ETERNO SCIABORDIO DI QUELL'ONDA

Nella metafisica evanescenza
del tramonto, ferisce la coscienza,
l'eterno sciabordio di quell'onda.

Quell'onda sempre uguale e assai diversa,
a volta lenta e lieve, a volte irosa,
a volte del colore dei suoi occhi,
a volte limacciosa come il male.

L'ascolto e nel fantasma dei suoi echi
risento quell'aroma inebriante
che un giorno profumava il mio dolore.

Ora la luce trema, il buio avanza
e l'onda a poco a poco torna mare.

Alessandria, 2 Kheshvan 5777 (3/11/2016)
Gianni Regalzi
(da “Silenzi e Pensieri” dir.ris.)
(Foto By Web)

Eccellente traduzione in portoghese
del mio pro-cugino Arturo Orsini.

EL ETERNO SWASH DE ESA ONDA

En metafísica evanescencia
del atardecer, duele la conciencia,
el eterno chapoteo de esa ola.
Esa ola que siempre es la misma y muy diferente,
a veces lento y ligero, a veces enojado,
a veces el color de sus ojos,
a veces baboso como el mal.
La escucha está en el fantasma de sus ecos
Siento ese aroma embriagador
que un día perfumó mi dolor.
Ahora la luz tiembla, la oscuridad avanza
y la ola vuelve poco a poco al mar.
Gianni Regalzi
Sommo poeta
Messaggi: 1717
Iscritto il: 05/09/2008, 11:15
Località: Alessandria
Contatta:

Re: Gianni Regalzi

Messaggio da Gianni Regalzi »

La tradizione popolare alessandrina riconosce in San Baudolino
il protettore della città. Si racconta che nel X° secolo Baudolino abbia liberato
soltanto con un cenno della mano, le campagne alessandrine da una
invasione di oche che stava devastando i raccolti e che avrebbe portato
la carestia.
Al nostro protettore ho dedicato questi versi in vernacolo.

SAN BAUDULEN

A Ruma u j’è San Peder,
San Giuani a l’è a Tiren
e chi, smentiumsa nenta,
u j’è San Baudulen.

San Peder l’è ‘l prim Papa,
San Giuani el predicatur
e Baudulen per noi,
a l’è u salvatur.

I chёntu che ‘na vota,
tònc e tònc ani fà,
la gent us lamentava
e la sava pü se fè,

per vea dla manconsa
ad roba da mangè.
Ad pagnoti na j’era pochi
per culpa ad tütt cul j’ochi.

Ansёn u l’ha mai scricc
d’andò chi fiusu amniji
ma me a sòn sicür
is bufavu el gron di Uiji.

Mòngia ancò e mòngia admon
el gron di Uiji a l’hon finì
e vulònda acme na mòndria,
i sòn rivaji fina a Lisòndria.

U j’era mea ad solusiòn
i bativu coi bastòn,
ma cul j’ochi con baldonsa,
s’ampinivu semp la ponsa.

I mangiavu ‘cme del luchi,
i curivu da chi e da là
chi smiavu tüti ciuchi
a miliòn, an tücc i prà.

La gent l’era disperaja:
“meca fuma sensa gròn,
ui sarà la carestea,
a puduma pu fè ‘l pon”.

U Signur ch’l’avghiva tütt,
l’ha parlà con Baudulen
e u j’ha dicc tütt an tin fià:
“Salva su sti piligren”.
Baudulen, l’era eremita
e al viviva an Santità,
tut’antrea la sò vita,
an ti bosch e ammez ai prà.

A l’hon sübit facc bugè
el paroli du Signur
e l’è curs ammès al j’ochi
sensa nonch laves el mur.

Che prodigio, oh! Meraveja,
u j’è basta ausè na mòn
che cul j’ochi bèle piòn,
i son vulaji tüti vèa.

Tutt la gent l’era cuntenta,
la criava “Baudulen
tei u noster salvatur,
u t’ha mandà propi u Signur”.

Fantasia o verità?
Noi auruma nonch pensei,
Baudulen a l’è sens’ater
prutetur ad la mé Sità.

Lisondria, 7 Dicember 2001
Gianni Regalzi
(El fiò del Bosch e l’anvud du Smoj)

TRADUZIONE dell'Autore
(La traduzione in lingua non segue
la metrica propria dell'originale
in dialetto e scapito della musicalità)

SAN BAUDOLINO

A Roma c’è San Pietro,
San Giovanni è a Torino
e qui, non dimentichiamo,
c’è San Baudolino.

San Pietro è il primo Papa
San Giovanni il predicatore
e Baudolino per noi,
è il Salvatore.

Si racconta che un tempo,
molti anni fa,
la popolazione si lamentava
e non sapeva come comportarsi,

per la penuria di cibo.
Il pane scarseggiava
A causa dell’invasione
delle oche selvatiche.

Nessuno ha mai scritto
da dove fossero arrivate,
ma sono certo
che stavano devastando i campi di Oviglio.

Mangia oggi e mangia domani
hanno distrutto tutto il raccolto
e volando in formazione
sono giunte fino ad Alessandria.

Non c’erano soluzioni
si batteva con i bastoni,
ma quelle con baldanza,
si riempivano la pancia.

Mangiavano senza tregua,
strarnazzavano in ogni dove
come se fossero ubriache
erano milioni in tutti i prati.

La popolazione era disperata:
“come faremo senza grano,
ci sarà la carestia,
non possiamo più fare il pane.

Padre Eterno che vede ogni cosa,
parlò con Baudolino
e a spron battuto gli disse:
“Salva questa povera gente”.
Baudolino era eremita
e viveva in santità,
tutta la sua vita,
nei boschi e nei prati.

Le parole del Signore
lo hanno subito fatto agire
e si precipitato tra le oche
senza attendere un istante.

Che prodigio, quale meraviglia,
gli è bastato alzare una mano
per far volar via tutte
tutte le oche.

La popolazione era entusiasta,
gridava:”Baudolino,
sei il nostro salvatore,
ti ha mandato il Signore.

Fantasia o verità?
Non vogliamo mettere nulla in dubbio,
Baudolino è ad ogni modo
protettore della nostra città.

Alessandria, 7 Dicembre 2001
Gianni Regalzi Mostra meno
Gianni Regalzi
Sommo poeta
Messaggi: 1717
Iscritto il: 05/09/2008, 11:15
Località: Alessandria
Contatta:

Re: Gianni Regalzi

Messaggio da Gianni Regalzi »

QUEL VOLTO CONOSCIUTO, MA STRANIERO

La quiete del mattino è ancor lontana
e nei risvolti delle note amare
s'annidano dannati i miei fantasmi.

Son colto all'improvviso da un sussurro,
da un'emozione strana, mascherata
dal cupo velo, ma pesante e nero
che inutilmente cerco di svelare.

Mi gira tutto attorno e contro il muro
compaiono presenze tenebrose,
occhi sbarrati, membra fatte a ramo,
urla rabbiose e disperati pianti.

Braccia insanguinate mi fan da laccio,
mi stringono alla gola e mi trascinano
nel gorgo disperato fatto a lava.

In fondo vedo le ali ampi e nere
dell'anima che un dì peccò d'orgoglio.

Qualcosa mi ferisce nelle vene
e in un istante tutto si fa oblio,
ma nella mente mi compare un volto.

Un volto conosciuto, ma straniero,
ora ricordo dove l'ho incontrata,
là in quella stanza dove
legavo i giorni ad altri giorni uguali
ricordo anche il suo nome “La Follia”

Alessandria, 7 Kheshvan 5777 (8/11/2016)
Gianni Regalzi
(da “Silenzi e Pensieri”dir.ris.)
Gianni Regalzi
Sommo poeta
Messaggi: 1717
Iscritto il: 05/09/2008, 11:15
Località: Alessandria
Contatta:

Re: Gianni Regalzi

Messaggio da Gianni Regalzi »

AL RAGGIO DI QUEL SOLE

Al raggio di quel sole
preferisco l’argento della luna.

Coi sui fantasmi scuri
guida il mio passo incerto per quel tunnel
e all’ombra del mio sogno senza tempo
inesorabilmente mi conduce
nel pozzo che si chiama…“ TU NON C’ERI”.

Alessandria, 25 Hkeshvan 5775 (18/1172014)
Gianni Regalzi
(da “Silenzi e Pensieri” dir.ris.)
Gianni Regalzi
Sommo poeta
Messaggi: 1717
Iscritto il: 05/09/2008, 11:15
Località: Alessandria
Contatta:

Re: Gianni Regalzi

Messaggio da Gianni Regalzi »

SOLITUDINE

L'amaro sorriso della rassegnazione
s'è perso nella vertigine del silenzio.

E nella penombra dell'antica Casa
la vecchia pendola lamenta,
con angosciosa eco,
l'inquieto tramontar d'un altro giorno.

Alessandria, 18 novembre 2012
Gianni Regalzi
(Dir.ris.)
Gianni Regalzi
Sommo poeta
Messaggi: 1717
Iscritto il: 05/09/2008, 11:15
Località: Alessandria
Contatta:

Re: Gianni Regalzi

Messaggio da Gianni Regalzi »

L’OPACO LUCCICHIO DI SCAGLIE AMARE

Nell’aria limacciosa del mattino
unto di noia e di pensieri strani,
mi guardo attorno e vedo solamente
l’opaco luccichio di scaglie amare.

È sempre tutto uguale e per la via
mi appaiono soltanto marionette
incolonnate, tutte quante uguali
e ignare della strada già tracciata.

Per loro non c’è nebbia,è tutto chiaro,
ma la sirena col malvagio canto
le ammalia e le trascina nell’inferno.

Alessandria, 24 Elul 5774
Gianni Regalzi
(da “Silenzi e Pensieri” dir.ris.)
Rispondi