Pär Lagerkvist


Sentimenti d'autore.
Qui puoi postare gli scritti famosi che più ti hanno emozionato... L'ultimo TEMA PROPOSTO è "ACQUA"

Moderatori: Luca Necciai, ito nami

Avatar utente

Moderatore

Messaggi: 103

Iscritto il: 05/02/2008, 13:41

Messaggio 14/01/2020, 14:07

Pär Lagerkvist

Certamente tu sei felice di nulla,
benché così debba essere.
A me la vita deve dare cose di gran valore,
così stupendamente meravigliose.

E ora mi ha dato la sua più oscura profondità,
un mare di sofferenza da temere.
E a te, mia amata, nulla,
solo un amore sorridente.

*

La vita ha occhi così belli,
occhi di capriolo,
tristi, profondi,
ma che riflettono l’attimo estivo,
la muta felicità del giorno estivo
nel suo sguardo che brilla, vigila,
riluce nell’oscurità degli alberi –

Il cacciatore depone la sua arma
sull’erba rugiadosa del mattino
per seguire l’orma timorosa,
seguire gli occhi cupi e lustri
nel profondo della foresta
così lucente.

Bere alla stessa fonte,
profonda e chiara,
dove essa ha bevuto.

*

Notte del destino, quando la stella riposa
in una mano ignota.
Quando la tua anima corre verso l’abisso
o la terra del miracolo.

Spenta giace l’eternità,
solo un raggio di luce
palpita attraverso il vuoto profondo,
attraverso la dimora della morte.

*

Se credi in dio e non esiste dio,
allora è la tua fede miracolo anche maggiore.
Allora è davvero qualcosa d’incomprensibilmente grande.

Perché giace una creatura nel fondo delle tenebre
ed invoca qualcosa che non esiste?
Perché così avviene?
Non c’è nessuno che ode la voce invocante nelle tenebre.
Ma perché la voce esiste?



Nel 1969 l’editore Rusconi pubblica una selezione delle Poesie di Lagerkvist, per la cura di Giacomo Oreglia. Il testo è ripreso nel 1991 da Guaraldi/Nuova compagnia editrice, con una nota di Mario Luzi, che scrive: “Se è vero, come dice Rilke, che il compito dell’uomo è di umanizzare il mondo, quello di Lagerkvist è uno dei modi più ariosi e vibranti che io conosca”. In queste poesie – che bisognerebbe riprendere, ripubblicare – c’è qualcosa di evangelico, qualcosa di frugale, non sempre funzionano perché sono umane, hanno le parole di chi chiede il pane, di chi pretende una resa.
Avatar utente

Moderatore

Messaggi: 103

Iscritto il: 05/02/2008, 13:41

Messaggio 14/01/2020, 14:13

Re: Pär Lagerkvist

Pär Lagerkvist (1891-1974), premio Nobel per la letteratura nel 1951, è conosciuto soprattutto come scrittore, ma è stato anche grande poeta. Autodefinitosi lui stesso "ateo religioso" e "credente senza fede", ossessionato dalla paura della morte e dal senso di transitorietà di tutte le cose, Lagerkvist nelle sue opere è alla costante ricerca di Dio, come di chi non si rassegni intimamente al buio dell'universo e alla certezza del nulla proclamate dalla ragione, e assilli continuamente la sua anima -e quella del lettore- con domande angosciose sul senso dell'esistenza e sul ruolo dell'uomo nel mondo. Nelle sue poesie è presente il tema della morte associato al mistero insondabile di Dio, attraverso frequenti immagini al cielo notturno trapunto di stelle, al viaggio della vita inteso come pellegrinaggio o al tramonto del giorno che si spegne nell'attesa (una speranza?) di rinascita nell'alba (una vita dopo la morte). Secondo Lagerkvist la presenza di Dio non va ricercata fuori di noi, ma, agostinianamente, in interiore hominis habitat Veritas: «Dio non esiste», egli afferma, «ma quando saremo tutti degni di lui, Egli verrà, non da fuori, ma dall'interno di noi». Un grande maestro dello spirito.
(Eugenio Mecca)

Per scaricare la recensione insieme a un'antologia commentata delle poesie di Lagerkvist,
clicca qui

Torna a Hall of Fame



Chi c’è in linea

Visitano il forum: Nessuno e 3 ospiti

cron

Gruppo Amici della Poesia www.amicipoesia.altervista.org (cercaci anche su Facebook, Twitter, Google+, Youtube) Verità e Nonviolenza sono Antiche come le Montagne
Powered by phpBB © 2000, 2002, 2005, 2007 phpBB Group.
Designed by ST Software. Hosted by MondoWeb