Antonio


ogni scrittore può aprire un topic con il proprio nome o pseudo, all'interno del quale pubblicare le proprie poesie per tornare ad aggiornarlo in seguito con nuovi scritti..

Moderatori: Luca Necciai, ito nami

Messaggi: 3

Iscritto il: 09/10/2018, 13:16

Località: Orvieto

Messaggio 09/10/2018, 15:56

Antonio

[b]Dove[/b]

Cheto era il brusio all’entrata del cinema.
Un film farmacopolizzato sull’amore.
Tra la beatitudine generale a volte capitava che ne uscissero parecchi di questi e contemporaneamente.
Le giuste spezie mescolate permettevano ai cardinali di rilasciare autografi.
Sul red carpet facevano a gara ad appoggiare la testa sui passati papi della pellicola.
Anche le altre cose non andavano male.
Le piste da ballo i parcheggi e le aiuole - saldate con le monete dentro il cappello del mendicante - chiedevano solo dei ritocchi.
I tumulti erano per le quadre di calcio e mai per ottenere delle precauzioni per svelare le bugie.
Le fattorie verticali promettevano territori per la vendetta dei boschi e la cibernetica l’algoritmo della felicità
Gli infiniti impicci ruotavano nella lavatrice insieme alla disoccupazione, le malattie, i lutti che potessero far dimenticare quelli precedenti.
Nel cestello dell’indifferenziato dall’oblò apparivano per scomparire anche i 162 paesi che spendevano i 14mila miliardi di dollari per le armi.
Andava come sempre andava qui.
Noia, amor proprio, famiglia, diete e qualche volta in parrocchia.
Confini vicini sempre più marcati
quelli lontani slabbrati.
E l’urlo: “Cattivo tu! No! Tu!”

Cattivo tu!
Tu! Cattivo!
Tu!
Tu!
Tu!
Tu!
Tu!
Tu!
Tuuu! Tuuu! Tuuu! Tuuu! Tuuu! Tuuu!
(Poi …………………………………………… silenzio)


“Signore potreste spiegarmi…”
“Spiegarti! Cosa? Quello che diranno?”
“No! Quello che hanno detto prima”
“Che faceva molto caldo… oh! l’afa era insopportabile”
“No! Prima!”
“Prima quando?”
“Prima che gli scoppi illuminassero il cielo… prima che nei campi di granoturco ci fossero le buche… prima… quando avevo la casa. Ho sentito dire “riunire i resti”
“I resti di cosa?”
“Mi sembra delle braccia delle teste e delle gambe…”
“Adesso non pensare a queste cose… bisogna arrivare”
“Dove?”

Messaggi: 3

Iscritto il: 09/10/2018, 13:16

Località: Orvieto

Messaggio 09/10/2018, 16:08

Acqua, acqua, acqua
Tutto tacque.
Il respiro s’agganciò al cuore
lo sguardo alla speranza
le promesse ritornaron nella culla
Così come il sorso inquieto
s’accosta chiara la carezza.
Del giocar con la terra
questuante il passo adesso svelto
con il tempo lima l’accordo per un nuovo verso.

Messaggi: 3

Iscritto il: 09/10/2018, 13:16

Località: Orvieto

Messaggio 09/10/2018, 16:10

Cerchi sonori di un uomo di pietra

Già!
Prova a far suonare una pietra
ne uscirà un romanzo.
Una gabbia per qualsiasi eroe.

Sarà un uomo
quando le onde si propagheranno.
Solo una comparsa
quando si saranno sperse.

Sul palcoscenico fatto di parole
quando il silenzio avrà guadagnato la vita
ognuno avrà una via
a qualcun altro non rimarrà che imitar l’oblio.

Torna a VersiSparsi



Chi c’è in linea

Visitano il forum: Nessuno e 8 ospiti

cron

Gruppo Amici della Poesia www.amicipoesia.altervista.org (cercaci anche su Facebook, Twitter, Google+, Youtube) Verità e Nonviolenza sono Antiche come le Montagne
Powered by phpBB © 2000, 2002, 2005, 2007 phpBB Group.
Designed by ST Software. Hosted by MondoWeb