Gianni Regalzi


ogni scrittore può aprire un topic con il proprio nome o pseudo, all'interno del quale pubblicare le proprie poesie per tornare ad aggiornarlo in seguito con nuovi scritti..

Moderatori: Luca Necciai, ito nami

Sommo poeta

Messaggi: 1362

Iscritto il: 05/09/2008, 11:15

Località: Alessandria

Messaggio 12/07/2018, 9:28

Re: Gianni Regalzi

TANKA

Spargo i mie versi
come cenere al vento.
L'alba è lontana.

All'orizzonte appare
uno strano bagliore.

Alessandria, 29 Tammuz 5778 (12/7/2018)
Gianni Regalzi

Sommo poeta

Messaggi: 1362

Iscritto il: 05/09/2008, 11:15

Località: Alessandria

Messaggio 12/07/2018, 23:26

Re: Gianni Regalzi

HAIKU

brucia l'estate
roventi le tue labbra
selvaggia è l'onda

Alessandria, 29 Tammuz 5778 (12/7/2018)
Gianni Regalzi

Sommo poeta

Messaggi: 1362

Iscritto il: 05/09/2008, 11:15

Località: Alessandria

Messaggio 15/07/2018, 21:27

Re: Gianni Regalzi

FOGLIE SECCHE

Più volte ritornai
dove l'antica quercia
con le sue molli ombre
faceva da sipario al nostro amore.

Ma il tempo inesorabile
aveva cancellato ogni sospiro.

Ora non resta nulla,
soltanto echi lontani e secche foglie.

Alessandria, 3 Av 5778 (15/7/2018)
Gianni Regalzi
(da "Silenzi e Pensieri" dir.ris)

Sommo poeta

Messaggi: 1362

Iscritto il: 05/09/2008, 11:15

Località: Alessandria

Messaggio 16/07/2018, 14:46

Re: Gianni Regalzi

Si allungano le ombre
e il raggio verde avanza nella sera.

Tra poco tutto quanto
inesorabilmente sarà oblio.

Alessandria, 4 Av 5778 (16/7/2018)
Gianni Regalzi

Sommo poeta

Messaggi: 1362

Iscritto il: 05/09/2008, 11:15

Località: Alessandria

Messaggio 18/07/2018, 20:34

Re: Gianni Regalzi

Testo di Gianni Regalzi,
Voce di Dan Spiz (Attore),
Video e Regia di Vincenzo Cantatore.

https://www.youtube.com/watch?v=UUD6e50jqCU

Sommo poeta

Messaggi: 1362

Iscritto il: 05/09/2008, 11:15

Località: Alessandria

Messaggio 28/07/2018, 0:10

Re: Gianni Regalzi

Testo di Gianni Regalzi
Voce e realizzascione Video
di Alfonso Basso

https://www.youtube.com/watch?v=3RNZD07LZ2s

Sommo poeta

Messaggi: 1362

Iscritto il: 05/09/2008, 11:15

Località: Alessandria

Messaggio 05/08/2018, 12:30

Re: Gianni Regalzi

Testo di Gianni Regalzi,
Voce, Regia e realizzazione video
di Gianni Moi.

https://www.facebook.com/gianni.moi/vid ... 77616/?t=1

Sommo poeta

Messaggi: 1362

Iscritto il: 05/09/2008, 11:15

Località: Alessandria

Messaggio 09/08/2018, 11:43

Re: Gianni Regalzi

Sommo poeta

Messaggi: 1362

Iscritto il: 05/09/2008, 11:15

Località: Alessandria

Messaggio 17/08/2018, 15:44

Re: Gianni Regalzi

Testo di Gianni Regalzi,
Voce, Regia
e Realizzazione Video di Gianni Moi
https://www.youtube.com/watch?v=-OLro6iTcIc

Sommo poeta

Messaggi: 1362

Iscritto il: 05/09/2008, 11:15

Località: Alessandria

Messaggio 19/08/2018, 20:28

Re: Gianni Regalzi

Testo di Gianni Regalzi
Voce e Video di Laura Bellawau
https://www.facebook.com/laura.bellawau ... 854625959/

Sommo poeta

Messaggi: 1362

Iscritto il: 05/09/2008, 11:15

Località: Alessandria

Messaggio 25/08/2018, 0:16

Re: Gianni Regalzi

Sonetto in dialetto alessandrino.
Testo, Voce e Video
di Gianni Regalzi

https://www.facebook.com/gianni.regalzi ... 011738252/

Sommo poeta

Messaggi: 1362

Iscritto il: 05/09/2008, 11:15

Località: Alessandria

Messaggio 29/08/2018, 20:27

Re: Gianni Regalzi

Dalle lontane memorie di Gianni Regalzi
scritte in dialetto alessandrino.

'NA SIRA D’ISTA’ AD TONC ANI FA

Mec l’era bèl v. Volturno tònc ani fa, an cul siri d’istà , quònd che ‘l doni, dop avei mangià con tütt la famija e dop avei lavà i piatt, i piavu u scagnёt e as setavu ‘d fòra dai purtòn, l’ёn-na auzen a l’atra.
U j’era Tuniёta la quaront’ani, Lavinia la butièra, Angelina la materasèra, Maria la purtiera d’la curt di Siur e la siura Amalia (ch’ l’arijva semper ).
Chi ch’la fava la maja per l’inver co’l gügi lònghi, chi ch’la chiziva i scapen con l’òvv ad ligna e chi ch’la criticava la sò ausen-na ‘d cà, perchè ui stendiva semper i lansò dadnon a la sò porta.
An popi ‘n la, u j’era j’omi del cantòn: Artemio u drughè, Aristide u savaten, Stevu ‘l verdiré, Giuseppe ‘l carbunen, Pipu ‘l prüchè, Palen cul del ven e i fradè Luigi, Pietro, Giulio e Mario ch’i favu i bianchen.
J’omi, ad solit i stavu per sò chёnt, tüc con auzen el butigliòn. I parlavu ad cacia, ad pёsca e del mudifichi cu j’era da fè an sel bicicleuti per pudei cariè pü toli ad causen-na.
U temp al pasava, i butigliòn semper pü vòi e ‘l discussiòn semper pü còudi.
I cmensavu da che chigiaren drubè per ciapè pü quajaster e inevitabilment j’andavu a finì a cul bastard del padròn d’la fabbrica, cu ten tütt per lü e al fa mòri ad fam i sò uperai. I cmensavo con l’esaltè el qualità d’in con da cacia, e j’andavu a finì puntualizonda, che l’aument d’la delinquensa l’era culpa ad cula “pitana d’la Merlin” ch’l’ha facc sarè i cazen.
Ormai i butigliòn j’ero vòi e j’ògg semper pü lücid: l’era ura d’andè a drumì. El doni s’anviaravu ciamonda j’omi e dindji ‘d piantèla le ‘d criè, che antont an sacocia u j’andava a finì propi niente.
U ciar d’la lёn-na al culurva d’argent el miraji del cà, i rundòn vulònda bass j’andavu an ti sò ni, cuca rataròula sbariuaja la girava cme na ciuca e, d’anfònd ‘d via Volturno us sentiva Zocula el panaté che ciflònda l’andava an tù sò furn e ‘l cmensava a travajè.

Lisòndria, 29 Nuvemvber 2002
Gianni Regalzi
(El fiò del Bosch e l’anvud du Smòj)
(da “L'Obiettivi e l'Anima”
Foto d'arte di Roby Novello
e Poesie in vernacolo di Gianni Regalzi)

TRADUZIONE dell’Autore

UNA SERA D’ESTATE DI TANTI ANNI FA’

Come era bello v. Volturno tanti anni fa, in quelle sere d’estate, quando le donne, dopo aver cenato con tutta la famiglia ed aver sbrigato le faccende domestiche, si sedevano sui loro sgabelli fuori dai cortili l’una accanto all’altra.
C’era Antonietta soprannominata la quarant’enne (nonostante la sua veneranda età, asseriva di avere quaranta anni), Lavinia la bottegaia, Maria la portinaia di casa Pittaluga e la Sig.ra Amalia che rideva sempre.
Chi lavorava a maglia, chi cuciva i calzini con l’uovo di legno e chi criticava la sua vicina di ringhiera perché stendeva sempre le lenzuola davanti alla sua porta.
Gli uomini erano seduti per conto loro; Artemio il droghiere, Aristide il calzolaio, Stefano il verduriere, Giuseppe il carbonaio, Pippo il barbiere, Paolino il vinaio e Luigi, Pietro, Giulio e Mario, i fratelli decoratori.
I bottiglioni di vino non mancavano mai. Parlavano di caccia, di pesca e delle modifiche da apportare alle loro biciclette per renderle più idonee al trasporto delle merci.
Il tempo passava, i bottiglioni sempre più vuoti e le discussioni sempre più accalorate.
Si cominciava a discutere su quale esca adottare per catturare più cavedani e inevitabilmente si arrivava ad inveire contro al padrone della fabbrica che non da’ l’aumento ai suoi operai. Si iniziava con l’esaltare le qualità dei loro cani da caccia e, con estrema naturalezza si arrivava ad asserire che la responsabilità dell’aumento della delinquenza era da attribuire alla senatrice Merlin che aveva imposto la chiusura delle case di tolleranza.
I bottiglioni erano ormai vuoti e gli occhi sempre più rossi; era l’ora di rientrare in casa.
La luna dipingeva d’argento i muri delle case, i rondoni volando a cerchio si rifugiavano nei loro nidi, qualche pipistrello girava a zic-zac e, dal fondo di v. Volturno, Zoccola il panettiere fischiando, raggiungeva il suo forno per incominciare a lavorare.

Sommo poeta

Messaggi: 1362

Iscritto il: 05/09/2008, 11:15

Località: Alessandria

Messaggio 01/09/2018, 13:23

Re: Gianni Regalzi

NELL'OMBRA DELLA SERA

Nell'ombra trasparente della sera
mi son trovato, certo per incanto,
in quel giardino che m'ha visto infante.
Tra rovi, sterpi, spine e muti sassi
ho udito di quei dì l'antica eco.

“Tira la tenda ch'u j'entra i sensoss”

“Prima 't fai i cómpit, pó 't vai a giughè”

“Se 't vai an piscina, bütti 'l caplen

che t'hai za 'l serveli ciaputaji”

“Büta u licheut a la tó bicicleuta,
se no 't na troui du admon maten-na”

“Va' nenta a fè la nóua a riva Tani
che l'atra smon-na u j'è anià 'n fanciot”

Ora è silenzio e nell'aria attutita
vedo qualcuno che ormai non c'è più.

Varazze, 27 Agosto 2017
Gianni Regalzi
(da “Silenzi e Pensieri” dir.ris.)

Traduzione della parte
in dialetto alessandrino.

Tira la tenda che entrano le zanzare/
Prima fai i compiti poi vai a giocare/
Se vai in piscina mettiti il cappellino
che sei già un po' matto/
Metti il lucchetto alla bicicletta,
altrimenti domani ne trivi due/
Non andare a fare il bagno a Tanaro
che l'altra settimana è annegato un ragazzo/

P.S. La traduzione della parte in dialetto
non rispetta la metrica originale formata da tutti endecasillabi.

Sommo poeta

Messaggi: 1362

Iscritto il: 05/09/2008, 11:15

Località: Alessandria

Messaggio 03/09/2018, 20:26

Re: Gianni Regalzi

SIRENE

Nell'aria limacciosa del mattino
unto di noia e di strani pensieri,
mi guardo attorno e vedo solamente
l'opaco luccicar di vecchie squame.

È sempre tutto piatto e per la via
scimieggiano soltanto marionette
incolonnate, tutte quante uguali
e ignare della strada già segnata.

Per loro non c'è nebbia,
è tutto quanto chiaro
e la Sirena col suo vile canto,
le ammalia e le trascina in fondo al pozzo.

Alessandria, 15 Kheshvan 5777- (16/11/2016)
Gianni Regalzi
(da “Silenzi e Pensieri” dir.ris)

Livello: POETA

Messaggi: 82

Iscritto il: 30/06/2015, 22:12

Messaggio 05/09/2018, 14:36

Re: Gianni Regalzi

Ci furon cinque giorni di silenzio (*)
avanti il verbo agisse,
armando la penna del novizio
che scrisse, scrisse… scrisse…

Giammai niuno poté tenerlo addietro
e qual capo d’armata, lancia in resta,
al suo fattor invero ha reso lustro
servendolo con penna e con la testa.

Se alfine tutto è un nulla (**)
che nasce come loto dal pantano,
perché fidar ancor sulla barulla (***)
per costruir il ponte tibetano
che qual filo di ragno un dì ci porti
a quel miraggio vicino eppur lontano?

Son come i sogni che non son mai morti
i desideri a cui non puoi opporti,
come l’acqua del mar alla qual non manca
il sale che alfine tutto sbianca… (****)

………………………


(*) iscrizione di G. Regalzi il 5/9/2008; primo scritto il 10/9/2008
(**) cfr prima lirica di G. R.
(***) - (edilizia) supporto su cui porre ed aggiustare i mattoni durante la costruzione dell'arco (coincidenza, i ponti…) qui sinonimo di ars poetica
(****) per Egizi e Romani il colore della morte era il rosso, per la nostra società il nero, per India e Cina il bianco.


Buon anniversario e un cordiale saluto
Galvan



http://www.lamacchinadiluce.com
PrecedenteProssimo

Torna a VersiSparsi



Chi c’è in linea

Visitano il forum: Nessuno e 10 ospiti

cron

Gruppo Amici della Poesia www.amicipoesia.altervista.org (cercaci anche su Facebook, Twitter, Google+, Youtube) Verità e Nonviolenza sono Antiche come le Montagne
Powered by phpBB © 2000, 2002, 2005, 2007 phpBB Group.
Designed by ST Software. Hosted by MondoWeb