Gianni Regalzi


ogni scrittore può aprire un topic con il proprio nome o pseudo, all'interno del quale pubblicare le proprie poesie per tornare ad aggiornarlo in seguito con nuovi scritti..

Moderatori: Luca Necciai, ito nami

Sommo poeta

Messaggi: 1503

Iscritto il: 05/09/2008, 10:15

Località: Alessandria

Messaggio 12/09/2019, 19:22

Re: Gianni Regalzi

Attende vile
l'attorcigliata serpe.
Sassi roventi.

Alessandria, 9. Elul 5779 (9/9/2019)
Gianni Regalzi

Sommo poeta

Messaggi: 1503

Iscritto il: 05/09/2008, 10:15

Località: Alessandria

Messaggio 14/09/2019, 20:35

Re: Gianni Regalzi

TANKA (Solo la metrica)

Spire di fumo
colorano la sera.
Strane visioni.

Nel dilatato iride
folleggiano fantasmi.

Alessandria, 13 Elul 5779 (13/9/2019)
Gianni Regalzi

Sommo poeta

Messaggi: 1503

Iscritto il: 05/09/2008, 10:15

Località: Alessandria

Messaggio 23/09/2019, 13:31

Re: Gianni Regalzi

(Verso Martelliano o Alessandrino)

Scaglia di mare alterna questo stormir di fronda.

Gianni Regalzi

Sommo poeta

Messaggi: 1503

Iscritto il: 05/09/2008, 10:15

Località: Alessandria

Messaggio 27/09/2019, 19:36

Re: Gianni Regalzi

Se l'aria si fa scura,
nel petto l'ansia preme
e dei colori resta solo l'ombra.

Alessandria, 27. Elul 5779 (27/9/2019)
Gianni Regalzi

Sommo poeta

Messaggi: 1503

Iscritto il: 05/09/2008, 10:15

Località: Alessandria

Messaggio 03/10/2019, 11:35

Re: Gianni Regalzi

QUELL'INFINITA ECO

La puoi trovare dietro ad uno sguardo.
Nell'urlo sordo di una notte nera.
Nei vicoli infangati.
Nell'antro di un portone quando piove.
Nei viscidi gradini
che minacciosi portano in cantina.
Sotto la chioma scura
di quell'antica quercia.
Nel volto allucinato di colui
che dalla vita ha avuto solo affanni.

Non sono proprio certo del suo nome,
ma è un nome breve di infinita eco.

Sì, ora lo rammento,
la chiamano Follia.

Alessandria, 4. Tishri 57780 (3/10/2019)
Gianni Regalzi
(da “Silenzi e Pensieri” dir.ris.)

Sommo poeta

Messaggi: 1503

Iscritto il: 05/09/2008, 10:15

Località: Alessandria

Messaggio 04/10/2019, 11:47

Re: Gianni Regalzi

Nel sospiro del vento,
nel respiro del mare,
nel frastuono del tuono,
nei profumo dei fiori.

Penso che in tutto questo
si celi l'armonia dell'universo.

Alessandria, 5. Tishri 5780 (4/10/2019)
Gianni Regalzi

Sommo poeta

Messaggi: 1503

Iscritto il: 05/09/2008, 10:15

Località: Alessandria

Messaggio 12/10/2019, 15:09

Re: Gianni Regalzi

AUTUNNO

Quando il Gran Carro volge ad occidente
la rosa inclina il capo e si scolora.

Tra poco tornerà il Principe inverno
e col suo manto spargerà l'oblio.

Alessandria, 6. Tishri 5780 (5/10/2019)
Gianni Regalzi

Sommo poeta

Messaggi: 1503

Iscritto il: 05/09/2008, 10:15

Località: Alessandria

Messaggio 18/10/2019, 11:21

Re: Gianni Regalzi

RESTA UN BREVE LUCE

Resta una breve luce, un solo istante
per cogliere l’Ambrosia che è celata
in quel lontano Atollo profumato
disperso in mezzo a un mare tutto Fango.

Alessandria, 16 ottobre 2013
Gianni Regalzi
(Da “Silenzi e Pensieri” dir.ris.)

Sommo poeta

Messaggi: 1503

Iscritto il: 05/09/2008, 10:15

Località: Alessandria

Messaggio 23/10/2019, 11:35

Re: Gianni Regalzi

Puoi stringere nel pugno un’emozione,
ma nella notte nera e senza pace
l’olezzo dell’umana indifferenza
ti straccia e ti contorce ogni speranza.

Alessandria, (Quel giorno pioveva)
Gianni Regalzi

Sommo poeta

Messaggi: 1503

Iscritto il: 05/09/2008, 10:15

Località: Alessandria

Messaggio 29/10/2019, 12:39

Re: Gianni Regalzi

Traduzione in portoghese del mio Fratello e Amico Joao Francesco Carvalho di una mia composizione.

Meu especial bom dia aos meus seletos amigos . com um belíssimo poema de Gianni Regalzi.

O anjo do inferno

Me apareceu de repente esse brilho
No quente sabor de um verão
Que em uma sombria noite sem estrelas
Me tem a alma maldita
Torpe desejo de pecar.

Era uma luz lenta e antiga
Como de fogo fátuo amplificado
Faça um inferno pra mim por perto.

Vermelhas de ardente brasa nos seus lábios
Em um rosto que parecia de menina.
Sabor amargo kkkkkkkkkkkk a sua pele
Como um vã espera do manhã.

Veio o tormento como a tempestade
Que apressa sem pose os olhos e o coração
Destruindo a uma razão esperanças de Aurora.

Depois foi o cúmulo de palavras
E de ecos nunca mais ouvis
Na desgastante espera
Do último momento de infinito.

Alexandria, 3 de maio de 2008
Gianni Regalzi
(de "Poemas de amor" Dir. Ris.)

Sommo poeta

Messaggi: 1503

Iscritto il: 05/09/2008, 10:15

Località: Alessandria

Messaggio 02/11/2019, 20:30

Re: Gianni Regalzi

Dall'orizzonte amaro il nero inferno
sta già spargendo fitto la sua rete
per catturarmi l'anima in eterno.

La bocca si fa amara e la mia sete
non troverà mai più nessuna fonte
...e il divenire eterno si ripete.

Dell'usignolo il pianto più non sento,
s'è perso come cenere nel vento.

Alessandria, 2 agosto 2012
Gianni Regalzi
(da “Silenzi e Pensieri” dir.ris.)

Sommo poeta

Messaggi: 1503

Iscritto il: 05/09/2008, 10:15

Località: Alessandria

Messaggio 09/11/2019, 19:46

Re: Gianni Regalzi

La tradizione popolare alessandrina riconosce in San Baudolino
il protettore della città. Si racconta che nel X° secolo Baudolino abbia liberato
soltanto con un cenno della mano, le campagne alessandrine da una
invasione di oche che stava devastando i raccolti e che avrebbe portato
la carestia.
Al nostro protettore ho dedicato questi versi in vernacolo.

SAN BAUDULEN

A Ruma u j’è San Peder,
San Giuani a l’è a Tiren
e chi, smentiumsa nenta,
u j’è San Baudulen.

San Peder l’è ‘l prim Papa,
San Giuani el predicatur
e Baudulen per noi,
a l’è u salvatur.

I chёntu che ‘na vota,
tònc e tònc ani fà,
la gent us lamentava
e la sava pü se fè,
per vea dla manconsa
ad roba da mangè.
Ad pagnoti na j’era pochi
per culpa ad tütt cul j’ochi.

Ansёn u l’ha mai scricc
d’andò chi fiusu amniji
ma me a sòn sicür
is bufavu el gron di Uiji.

Mòngia ancò e mòngia admon
el gron di Uiji a l’hon finì
e vulònda acme na mòndria,
i sòn rivaji fina a Lisòndria.

U j’era mea ad solusiòn
i bativu coi bastòn,
ma cul j’ochi con baldonsa,
s’ampinivu semp la ponsa.
I mangiavu ‘cme del luchi,
i curivu da chi e da là
chi smiavu tüti ciuchi
a miliòn, an tücc i prà.

La gent l’era disperaja:
“meca fuma sensa gròn,
ui sarà la carestea,
a puduma pu fè ‘l pon”.

U Signur ch’l’avghiva tütt,
l’ha parlà con Baudulen
e u j’ha dicc tütt an tin fià:
“Salva su sti piligren”.

Baudulen, l’era eremita
e al viviva an Santità,
tut’antrea la sò vita,
an ti bosch e ammez ai prà.

A l’hon sübit facc bugè
el paroli du Signur
e l’è curs ammès al j’ochi
sensa nonch laves el mur.

Che prodigio, oh! Meraveja,
u j’è basta ausè na mòn
che cul j’ochi bèle piòn,
i son vulaji tüti vèa.

Tutt la gent l’era cuntenta,
la criava “Baudulen
tei u noster salvatur,
u t’ha mandà propi u Signur”.

Fantasia o verità?
Noi auruma nonch pensei,
Baudulen a l’è sens’ater
prutetur ad la mé Sità.

Lisondria, 7 Dicember 2001
Gianni Regalzi
(El fiò del Bosch e l’anvud du Smoj)
(Da "L'Obiettivi e l'Anima)
(Diritti riservati)
(Foto da Google immagini)


TRADUZIONE dell'Autore
(La traduzione in lingua non segue
la metrica propria dell'originale
in dialetto e scapito della musicalità)

SAN BAUDOLINO

A Roma c’è San Pietro,
San Giovanni è a Torino
e qui, non dimentichiamo,
c’è San Baudolino.
San Pietro è il primo Papa
San Giovanni il predicatore
e Baudolino per noi,
è il Salvatore.
Si racconta che un tempo,
molti anni fa,
la popolazione si lamentava
e non sapeva come comportarsi,
per la penuria di cibo.
Il pane scarseggiava
A causa dell’invasione
delle oche selvatiche.
Nessuno ha mai scritto
da dove fossero arrivate,
ma sono certo
che stavano devastando i campi di Oviglio.
Mangia oggi e mangia domani
hanno distrutto tutto il raccolto
e volando in formazione
sono giunte fino ad Alessandria.
Non c’erano soluzioni
si batteva con i bastoni,
ma quelle con baldanza,
si riempivano la pancia.
Mangiavano senza tregua,
strarnazzavano in ogni dove
come se fossero ubriache
erano milioni in tutti i prati.
La popolazione era disperata:
“come faremo senza grano,
ci sarà la carestia,
non possiamo più fare il pane.
Padre Eterno che vede ogni cosa,
parlò con Baudolino
e a spron battuto gli disse:
“Salva questa povera gente”.
Baudolino era eremita
e viveva in santità,
tutta la sua vita,
nei boschi e nei prati.
Le parole del Signore
lo hanno subito fatto agire
e si precipitato tra le oche
senza attendere un istante.
Che prodigio, quale meraviglia,
gli è bastato alzare una mano
per far volar via tutte
tutte le oche.
La popolazione era entusiasta,
gridava:”Baudolino,
sei il nostro salvatore,
ti ha mandato il Signore.
Fantasia o verità?
Non vogliamo mettere nulla in dubbio,
Baudolino è ad ogni modo
protettore della nostra città.
Alessandria, 7 Dicembre 2001
Gianni Regalzi

Sommo poeta

Messaggi: 1503

Iscritto il: 05/09/2008, 10:15

Località: Alessandria

Messaggio 10/11/2019, 18:49

Re: Gianni Regalzi

SONO UN RAGNO

Mi arrampico sui muri, sono un ragno
e con la pipa schiaccio mosche e vespe,
son certo che anche questo è un chiaro segno
che l'alba è ancor lontana e fredda e dura.

Ero un Signore, Principe del Regno,
ora con otto zampe mi altaleno
appeso alla mia bava e poi disegno
contorni astratti e vergo versi stanchi.

Il sole mi è nemico, vivo d'ombra
trascino le mie membra, ma nel seno
non ho né una grancassa né un tamburo,
ma un cuore di colore Arcobaleno.

Alessandria, 9, Kheshvan 5777 (10/11/2016)
Gianni Regalzi
(da “Silenzi e Pensieri” dir.ris.)
Precedente

Torna a VersiSparsi



Chi c’è in linea

Visitano il forum: Nessuno e 8 ospiti

cron

Gruppo Amici della Poesia www.amicipoesia.altervista.org (cercaci anche su Facebook, Twitter, Google+, Youtube) Verità e Nonviolenza sono Antiche come le Montagne
Powered by phpBB © 2000, 2002, 2005, 2007 phpBB Group.
Designed by ST Software. Hosted by MondoWeb