Gianni Regalzi

ogni scrittore può aprire un topic con il proprio nome o pseudo, all'interno del quale pubblicare le proprie poesie per tornare ad aggiornarlo in seguito con nuovi scritti..

Moderatori: Luca Necciai, ito nami

Gianni Regalzi
Sommo poeta
Messaggi: 1621
Iscritto il: 05/09/2008, 11:15
Località: Alessandria
Contatta:

Re: Gianni Regalzi

Messaggio da Gianni Regalzi »

TRISTEZZA

Rimane sempre lì
nascosta nei risvolti dei ricordi.

Si manifesta ambrata,
confusa nelle ombre della sera
o in una melodia ormai scordata
che all’improvviso sboccia come un fiore.

È Lei che a volte avvolge come il miele,
a volte invece brucia come lava,
a volte ti è compagna, a volte amante,
ma spesso ti conduce verso il Gorgo
che ha quel profumo intenso di FOLLIA.

Alessandria, 30 maggio 2014 (5774)
Gianni Regalzi
(da “Silenzi e Pensieri” dir.ris.)
Gianni Regalzi
Sommo poeta
Messaggi: 1621
Iscritto il: 05/09/2008, 11:15
Località: Alessandria
Contatta:

Re: Gianni Regalzi

Messaggio da Gianni Regalzi »

I SOGNI E LA FOLLIA

Un inquietante chiurlo di civetta
e un monotono frinire di cicale
mi spargono davanti un’altra notte.

Con la preziosa chiave dei miei sogni
per una volta ancora fuggirò
dalle fauci insanguinate
della mia inesauribile follia.

Alessandria, 25 Sivan 5775 (12/6/2015)
Gianni Regalzi
(da “Silenzi e Pensieri” dir. ris.)
(Foto da Google immagini)
Gianni Regalzi
Sommo poeta
Messaggi: 1621
Iscritto il: 05/09/2008, 11:15
Località: Alessandria
Contatta:

Re: Gianni Regalzi

Messaggio da Gianni Regalzi »

IL VENTO DEL DISGELO

Fin quando il dolce vento del disgelo
non scaccerà le angosce e le amarezze,
soffocherò sul nascere gli affanni
e dall’oblio attingerò ristoro.

…Ma ora tutto tace.

Alessandria, 20 giugno 2014 (5774)
Gianni Regalzi
(da “Silenzi e Pensieri” dir.ris.)
Gianni Regalzi
Sommo poeta
Messaggi: 1621
Iscritto il: 05/09/2008, 11:15
Località: Alessandria
Contatta:

Re: Gianni Regalzi

Messaggio da Gianni Regalzi »

(E' giunta l'Estate, un poco di fresco non guasta....)

IL GIARDINO RIPOSA

Il giardino riposa
sotto un candido manto di neve.

Chissà se le perle di marzo,
che si posano a lacrime sparse,
sapranno destarlo dal sonno
e quel timido sole d’aprile
potrà ridonargli i colori?

Tutto questo è segreta speranza
mentre il candido manto di neve
si copre all’istante di lutto
e dal pozzo profondo del sogno
una voce di pianto lamenta.

Alessandria, 2 agosto 2014 (5774)
Gianni Regalzi
(da “Silenzi e Pensieri” dir.ris.)
Gianni Regalzi
Sommo poeta
Messaggi: 1621
Iscritto il: 05/09/2008, 11:15
Località: Alessandria
Contatta:

Re: Gianni Regalzi

Messaggio da Gianni Regalzi »

SOLSTIZIO D'ESTATE (TANKA)

Notte più breve
il sole s'allontana
spiagge affollate

Lasciatemi sognare
ancora per un poco.

Al, 21/6/2016 (Dir.Ris.)
Gianni Regalzi
Gianni Regalzi
Sommo poeta
Messaggi: 1621
Iscritto il: 05/09/2008, 11:15
Località: Alessandria
Contatta:

Re: Gianni Regalzi

Messaggio da Gianni Regalzi »

L’ECO DELLA MIA VOCE

L’opaca trasparenza di un ricordo
mi lascia delle zone buie ed ombre.

Un bimbo corre allegro nel giardino,
ma non ci sono fiori, solo ortiche.

La nonna è nel suo letto
definitivamente addormentata,
ci sono ceri a lutto e tanti veli
fetore di reliquia, fuochi fatui.

Domenica mattina di quel maggio
col delicato effluvio della rosa.

Barba rasata e l’auto fuori pronta,
la prima spiaggia aspetta la sua pelle,
son lì con lei sdraiato in riva al mare.

Mani golose, sguardi intensi e muti,
ma poco avanti un rombo, un urlo e un pianto
e poi tanto silenzio nella mente.

Ora il mio tempo è fermo o scorre in fretta,
camici bianchi, letti con le cinghie,
un finto sole è lì sotto la volta
non è mai tramontato dietro ai monti.

Sento la mia voce che da lontano
Inconfondibilmente mi fa l’eco.

Alessandria, 17 Tammuz 5775 (4/7/2015)
Gianni Regalzi
(da “Silenzi e Pensieri” dir.ris.)
Gianni Regalzi
Sommo poeta
Messaggi: 1621
Iscritto il: 05/09/2008, 11:15
Località: Alessandria
Contatta:

Re: Gianni Regalzi

Messaggio da Gianni Regalzi »

IL GELO TRASPARENTE DEL TUO SGUARDO

Il Miele del passato
intriso dal dolore del presente,
squarcia quel velo a ciò che mi circonda.

M’appare tutto assurdo,
m’attende dietro l’angolo qualcosa
che mi terrà sospeso
per un istante esteso quanto il tempo.

Aspetto a fiato mozzo quell’evento,
non so cos’esso sia,
forse sarà la luce,
oppure l’inquietante eterna eco
d’un attimo vissuto nella Gioia,
ma all’improvviso spento
dal gelo trasparente del tuo sguardo.

Alessandria, 31 Marzo 2008 (E.E. 5768)
Gianni Regalzi
(Da “Silenzi e Pensieri” dir.ris.)
Gianni Regalzi
Sommo poeta
Messaggi: 1621
Iscritto il: 05/09/2008, 11:15
Località: Alessandria
Contatta:

Re: Gianni Regalzi

Messaggio da Gianni Regalzi »

DALL’ALI DEL VENTO

Risento dall’ali del vento,
l’antico silenzio che un tempo
cantava la dolce armonia.

Finestra socchiusa, violata
dai timidi raggi di sole
vestiti d’Aprile novello.
Rugiada sui fiori,
la rosa canina,
virenti virgulti sul prato.

Un bimbo, un sorriso,
un rosso aquilone
e un timido bacio sul viso,
cantavan la dolce canzone.

Alessandria, 3 Aprile 2007
Gianni Regalzi
(Da “Poesie d’Amore” dir.ris.)
Gianni Regalzi
Sommo poeta
Messaggi: 1621
Iscritto il: 05/09/2008, 11:15
Località: Alessandria
Contatta:

Re: Gianni Regalzi

Messaggio da Gianni Regalzi »

NELLA PENOMBRA DEL MATTINO

Nell'appannato silenzio del mattino
mentre la penombra
si fa pian piano luce,
mi pare di ascoltare quella voce
che tanto tempo fa
faceva d'eco all'ombra dei miei sogni.

Ma ormai l'inverno ha steso il crudo manto,
il buio e il freddo e il gelo
inesorabilmente
mi aspettano sul bordo dell'ignoto.

Sposto a fatica il mio pensiero a lato.

Alessandria, 6 Kheshvan 5777 (7/11/2016)
Gianni Regalzi
(da “Silenzi e Pensieri” dir.ris.)
Gianni Regalzi
Sommo poeta
Messaggi: 1621
Iscritto il: 05/09/2008, 11:15
Località: Alessandria
Contatta:

Re: Gianni Regalzi

Messaggio da Gianni Regalzi »

QUELLA BAMBOLA ROTTA

Ho barattato il groviglio delle mie emozioni
con una Bambola rotta
sull'asfalto bagnato della strada.

La sua fredda indifferenza
mi ha tarpato l'ali ed ora
vago ramingo lungo
l'inquietante labirinto del tempo.

Fari riflessi, stridere di freni
e freddo, tanto freddo in fondo all'Anima
m'inseguono in ogni dove.

Un Cigno appassito, un Cane azzoppato,
il vicolo ferito
da un Colombo malato
e quel malsano fetore di folla
appiattita dalle abitudini, mi feriscono.

Non posso più volare,
non posso più sognare
e le mie Aurore son diventate grigie.

Dov'è, dov'è il mio Sole,
non sento più l'Ambrosia del mio Mare,
non vedo più il turchino del mio cielo
e il sospiro dell'Estate s'è già spento.

Ormai tutto è annegato
in quel Ghigno maligno
d'una Bambola rotta
sull'Amaro asfalto della sera.

Alessandria, 5 aprile 2012
Gianni Regalzi
(da “Silenzi e Pensieri” dir.ris.)
Rispondi