Antonio Machado


Sentimenti d'autore.
Qui puoi postare gli scritti famosi che più ti hanno emozionato... L'ultimo TEMA PROPOSTO è "ACQUA"

Moderatori: Luca Necciai, ito nami

Avatar utente

Forum Admin

Messaggi: 105

Iscritto il: 12/06/2004, 18:43

Località: Torino

Messaggio 13/06/2011, 10:01

Antonio Machado

Viandante,
sono le tue orme
la strada, nient’altro;
Viandante,
non esiste un sentiero,
la strada la fai tu andando.
Mentre vai si fa la strada
e voltandoti
vedrai il sentiero che mai
più calpesterai.
Viandante,
non esiste una strada,
ma solo scie nel mare.

Antonio Machado


Caminante no hay Camino (Feat. Juan Manuel Serrat)
Immagine
Luca Necciai
Avatar utente

Forum Admin

Messaggi: 105

Iscritto il: 12/06/2004, 18:43

Località: Torino

Messaggio 25/04/2013, 16:18

Re: Antonio Machado

GIARDINO

Lungi dal tuo giardino arde la sera
incensi d'oro in fiamme porporine,
dietro il bosco di cenere e di rame
Dalie del tuo giardino.
Malnato il tuo giardino! Oggi mi sembra
l'opera d'un barbiere,
con quella miserina palma nana
e l'aiuola di mirti ritagliati...
e l'arancino nel barile... L'acqua
della fonte di pietra
non cessa il riso nella conca bianca.

______________________________



VADO SOGNANDO SENTIERI

Vado sognando sentieri
della sera. Le dorate
colline, i pini verdi,
la polvere sulle querce!...
Il sentiero dove va?
Vado cantando viandante
che intanto fa il suo cammino
-Ecco scendere la sera-,
"Nel cuore mi doleva
la spina di una passione;
un giorno la strappai via:
non mi sento più il cuore".
La campagna, scura e muta,
resta assorta a meditare
un attimo. Nel pioppeto
sul fiume soffia il vento.
La sera diventa buia;
e il sentiero dalla bianca
serpentina che sbiadisce
offuscandosi scompare.
Torna il mio canto a penare:
"Pungente spina dorata,
come vorrei sentire
che mi trafiggi il cuore.


Antonio MACHADO
Immagine
Luca Necciai
Avatar utente

Forum Admin

Messaggi: 105

Iscritto il: 12/06/2004, 18:43

Località: Torino

Messaggio 25/04/2013, 16:21

Re: Antonio Machado

NUDA E' LA TERRA

Nuda è la terra, e l'anima
ulula contro il pallido orizzonte
come lupa famelica. Che cerchi,
poeta, nel tramonto?
Amaro camminare, perchè pesa
il cammino sul cuore. Il vento freddo,
e la notte che giunge, e l'amarezza
della distanza...Sul cammino bianco,
alberi che nereggiano stecchiti;
sopra i monti lontani sangue ed oro...
Morto è il sole...Che cerchi,
poeta, nel tramonto?

___________________________________

AL GRANDE ZERO


L'essere che si è compiva il niente
e riposava - ben meritava -;
ed ecco notte ebbe il giorno e anch'ei trovava,
l'uomo, compagna nell'amata assente.
Fiat umbra! Sgorgò il pensare umano.
E l'uovo universale alzò, svuotato,
dissostanziato, freddo, scolorato,
pieno di nebbia lieve, nella mano.
L'intero zero prendi, vuota sfera,
che guarderai, se puoi guardarlo, eretto.
Oggi che spalla è il dorso di te fiera,
portento del non essere perfetto,
offri, poeta, un canto di frontiera
al silenzio, all'oblio, alla morte eletto.


____________________________________

ERA UNA NOTTE D'ESTATE

Era una notte d'estate.
Il balcone era aperto;
anche la porta di casa;
in casa la morte entrò.

Al suo letto s'avvicina;
passando non mi guardò;
poi con dita delicate
qualcosa di tenue ruppe.

Taciturna, senza sguardo,
la morte passò di nuovo
davanti a me. Che hai fatto?
La morte non mi rispose.

La mia bambina tranquilla,
restò dolente il mio cuore.
Ahi, quel che ha rotto la morte.


Antonio Machado
Immagine
Luca Necciai

Torna a Hall of Fame



Chi c’è in linea

Visitano il forum: Nessuno e 1 ospite

cron

Gruppo Amici della Poesia www.amicipoesia.altervista.org (cercaci anche su Facebook, Twitter, Google+, Youtube) Verità e Nonviolenza sono Antiche come le Montagne
Powered by phpBB © 2000, 2002, 2005, 2007 phpBB Group.
Designed by ST Software. Hosted by MondoWeb. Viaggi