Enteronato


ogni scrittore può aprire un topic con il proprio nome o pseudo, all'interno del quale pubblicare le proprie poesie per tornare ad aggiornarlo in seguito con nuovi scritti..

Moderatori: Luca Necciai, ito nami

Messaggi: 19

Iscritto il: 13/02/2014, 12:48

Messaggio 14/02/2014, 11:40

enteronato

l'ancora

ora mi sveglio senza luce della mia ragione senza l’idea
del volto che cerca disperatamente conforto in bagno
impresso com’è in tanta fuliggine da vera carbonara
di insoliti destini accartocciati o inscatolati o sommersi
spietatamente realistici come in esalanti condomini da proteggere
apportando infiniti saluti di circostanza per trovare gemere la cameriera
soprasotto in coltri ora si macchiati e repellenti con le tue
mani e il tuo orgoglio con Te e per una volta apparentemente sconfitto
per una tragedia umana non indifferibile persistente in cerca di cosa
caparbia rianima un altare da preti stupefatti ma non ignoti
oggidì con una crema al cacao
Ultima modifica di amicipoesia il 23/02/2014, 15:51, modificato 1 volta in totale.
Motivazione: creazione cartella autore

Messaggi: 19

Iscritto il: 13/02/2014, 12:48

Messaggio 15/02/2014, 12:19

non

Effetto di una chiacchierata al bar con
profeti venuti dalla Calabria in assenza di
qualcuno che ci canti la gloria indiscutibile della loro infanzia
e degli eroi che in un vicolo di Buones Aires scontavano
l’ingiusta pena a tradimento di coloro che nemmeno meritavano l’ingiuria e quel fronte di battaglia così tragico per noi e per l’umanità intera
conficcato nel petto e squarciata la gola a rimproverarci
le antiche cadenze della morte e del giocattolo a forma di una palla di neve che scivolava lungo il piano filmico di una sequenza rimasta negli annali delle immagini

Messaggi: 19

Iscritto il: 13/02/2014, 12:48

Messaggio 16/02/2014, 6:03

errore

tutti in una splendida giornata di sole a perdere l’orizzonte
per ricostruire un universo immacolato e precario in stretta
devozione e apparentemente lontano per dirigere gli sguardi
tuoi nel tuo dilemma in incognita presenza e transizione di
quel luogo conosciuto e pazzescamente dimenticato alle
soglie dei tuoi sgangherati infissi nella campagna che ti
offusca e sale fin sopra i tuoi pensieri davvero malsani eppure
vittoriosi sulla gran massa di coloro che non osano dire e
stringono le loro narici incessantemente ma predicono il tuo
sagittario esploso già ieri sera in atmosfere vermiglie con
l’onore che ci manca

Messaggi: 19

Iscritto il: 13/02/2014, 12:48

Messaggio 17/02/2014, 20:08

attitudini

il malvezzo dell’orologiaio stupefatto mi ingiunge
al pagamento di tanta stortura dell’odierno bisogno
di condurre una immacolata e dimentica esistenza
confortata da lumini accesi per gli avi dell’aldilà
estinti in tanta penuria di giustizia ed esilaranti fino
a crepar di pelle a giuntar le mani per pregare le
assurde monache di convento spregiudicate fino a
compilar una splendida pergamena che il bibliotecario
ritrova e non immagina di possedere e sconvolto
riprende il suo tormentato cammino in un percorso
che la nostra mente non immagina e che gli altri presenti
incomprensibilmente ammirano

Messaggi: 19

Iscritto il: 13/02/2014, 12:48

Messaggio 18/02/2014, 22:04

BMW

Il pavimento discosto ed incompleto arranca le tue panciute
Protuberanze accatastando altrimenti oggetti e piani
Con tanta circostanza nella strada brulicante di liquidi
Malfermi e maleodoranti con derivazioni incomplete ma
Incredibilmente esatte e parcheggi che raccontano le tue
Strade incantate e sconosciute avvampandoci come il lontano
Ricordo di negri e non fantasmi di incredule ragazze senza volto
Con la negazione delle oscurità o delle tragedie di altrui imperi
Ora inconsapevolmente dissolti

Messaggi: 19

Iscritto il: 13/02/2014, 12:48

Messaggio 19/02/2014, 2:36

Toh

Una chat così!
Una vergogna l’esserci e il patrimonio che ti sommerge.
Ero ad Ascoli ……..lungo giardini ricoperti di pietre assemblate ed erose.
Il tuo era il volto paffuto che grondava piaceri e sussultava. La mia anima persa.
Ora ti riscopro fragile delizia di una cena incompiuta. Di un altro momento.
Della mia infaticabile giornata.
Dei pensieri malfermi, delle guide disperse.
Riapparire di filamenti infiniti come gettati in un fosso.
La carne non era putrida.

Messaggi: 19

Iscritto il: 13/02/2014, 12:48

Messaggio 20/02/2014, 13:55

enteronato

Dall'alto in basso

Ho chiesto alla mia zia il pranzo domenicale in un tugurio
di pance rigonfie e sottobanchi di giocattoli incoerenti con
un’accozzaglia di bocche nel vicino boschetto di querce nella
memoria dei passi del giovane accondiscendente e delle
inconsapevoli raccolte a fianco dei futuri rimpianti nelle
vicinanze di un piatto di maiale alla brace con strepiti e dolori della
consapevole fine di tragiche urla e disperati lamenti con addosso
la massa incurante di esso e affluenti di sangue pian piano rappreso
negli odori di tetra carnagione del fluente vino già inacidito col tempo e con
il borgo diruto e scalpicciante di cavalli intravisti nella neve di un libro di Eco
in favole lontane e disperse

Sommo poeta

Messaggi: 664

Iscritto il: 07/07/2005, 16:26

Località: bari

Messaggio 21/02/2014, 1:10

Re: Dall’alto in basso

A differenza di quanto successe nella poesia du Kavafis ,se ricordo bene,in cui i barbari attesi,poi non arrivarono,qui invece pare che siano arrivati.
Comunque ,versi questi originali,indubbiamente, .
fanopeici,con immagini vivide.

Ti do il benvenuto anche a nome di Luca Necciai.Reggitore di questo sito
Serena notte
ito nami

Messaggi: 19

Iscritto il: 13/02/2014, 12:48

Messaggio 25/02/2014, 17:33

Re: Dall’alto in basso

ito nami ha scritto:A differenza di quanto successe nella poesia du Kavafis ,se ricordo bene,in cui i barbari attesi,poi non arrivarono,qui invece pare che siano arrivati.
Comunque ,versi questi originali,indubbiamente, .
fanopeici,con immagini vivide.

Ti do il benvenuto anche a nome di Luca Necciai.Reggitore di questo sito
Serena notte


I Barbari? Che emozione! Desiderati e sempre attesi. Vi ringrazio Gabriele.

Messaggi: 19

Iscritto il: 13/02/2014, 12:48

Messaggio 25/02/2014, 17:36

Che modi!

Sulla strada scalpiccii percorrenti selciati
Bolle di figure che odiano la storia.
I tetti arrossati sbiadiscono la vergogna e l’attesa.
Dai passanti solo autovetture. Dai restanti
Ancora
odiano la storia.
Vasi di fiori imbellettano l’azzurro. Lo stingono.
E i pensieri della lucertola per nulla affini né a tuoi né ai presunti
Pensieri tuoi.
Scorrono le lucertole e niente può accadere, non sai che aspettare.
Ronzano le orecchie al sentire della Storia e più non ricordi.
L’uomo del 1012 o del 2012?

Messaggi: 19

Iscritto il: 13/02/2014, 12:48

Messaggio 15/04/2014, 12:26

freghti

Il tavolo com’era sgorbiato e quanta strada per l’avvenenza
In una torbida notte insieme al passante con le luci accese
In un nugolo di sangue e con ripetute passeggiate per un
Andirivieni con tanti sospetti e regole disattese con i nostri
Pensieri stravolti dall’inatteso dal continuo perpetrarsi dei
Falsi miti e falsi giovani e falsi governanti in dimostrazioni accese
E assembramenti di teste rotte e benpensanti dell’ultim’ora
Come in un processo di ignoti in un paese senza idea

Messaggi: 19

Iscritto il: 13/02/2014, 12:48

Messaggio 16/04/2014, 19:24

Ditale

Oramai anni buttati al vento ma necessari.
L’insorgere degli altri elementi della prateria
Contenuti precari e deliziosamente impuri
Quanta strada sulla via dell’esistenza, dell’effimera
vita condotta senza pensieri e senza responsabilità
Interprete, come il paese di tanta vergogna
della impudicizia di chi sale o scende dal trono di Politica.
Austere impronte, imbellettati volti dell’altrui sudore.
Concepiscimi ancora. Pungimi affianco.

Messaggi: 19

Iscritto il: 13/02/2014, 12:48

Messaggio 17/04/2014, 10:14

Nemmeno

In un balzo tutt’intorno era in evidente disordine.
Di un nucleo di fantasmi coricati attenti a quanta manifestazione
di interesse e su un tavolo di appena identificata essenza il tutore
elargiva informazioni della nascita e della assenza di mondi appena
conosciuti in un restante gioco di indecifrabili carezze e di attente linee
che sgualcivano la carta e la rendevano scultorea come una schiena bronzea
infissa in una camera al di sopra del tuo letto.
Con la bionda che riscopriva l’essenza dell’amore e gemeva dell’altrui sostegno
E dell’altrui bisogno.

Messaggi: 19

Iscritto il: 13/02/2014, 12:48

Messaggio 17/04/2014, 10:16

Giangi

L’ultima volta ero smarrito.
Penzolante dalla soglia del bagno, interessato a chi?
Una comunicazione altra, oltremodo diversa.
Acrobata, intessitore, esecutore impaziente.
D’un colpo dall’altra parte.
Muri e soglie, stipiti e infissi
Piani obliqui
Piani orizzontali e verticali
Capitomboli e risorgi.
Governi lo spazio e lo organizzi a piacimento
Tutto ti appartiene.
Noi siamo tuoi esterrefatti ammiratori
Tuoi inconsapevoli ospiti
Quantunque tu ce lo permetta.

Messaggi: 19

Iscritto il: 13/02/2014, 12:48

Messaggio 17/04/2014, 13:15

Eccome

La costruzione del fondaco risaltava frammentata e incompleta
il bianco dei blocchi sputava polvere di marmo e rendeva i disperati
fabbricanti degni di un anticipato ricovero con nani e puntelli immischiati
nelle profonde sacche dell’incoscienza.
Tavole di tetto memorizzavano l’infanzia di
un ragazzo sempre in cerca di un destino ora voluto ora dismesso.
Le scorribande sui campi dalle spighe flessuose mi oltrepassavano e
tuonavano il restante percorso della mia vita.
Prossimo

Torna a VersiSparsi



Chi c’è in linea

Visitano il forum: Nessuno e 1 ospite

cron

Gruppo Amici della Poesia www.amicipoesia.altervista.org (cercaci anche su Facebook, Twitter, Google+, Youtube) Verità e Nonviolenza sono Antiche come le Montagne
Powered by phpBB © 2000, 2002, 2005, 2007 phpBB Group.
Designed by ST Software. Hosted by MondoWeb. Viaggi