michael*santhers


ogni scrittore può aprire un topic con il proprio nome o pseudo, all'interno del quale pubblicare le proprie poesie per tornare ad aggiornarlo in seguito con nuovi scritti..

Moderatori: Luca Necciai, ito nami

Sommo poeta

Messaggi: 1053

Iscritto il: 16/05/2010, 5:16

Messaggio 13/06/2015, 3:09

CIELO NOTTURNO

Sigarette accese le stelle
bucano la coperta nera
spasmodici fumano i sogni

Tonfi negli stagni
gracidano le rane
evocano il domani
simulano abissi d'anime

La notte è una lavagna
e ognuno ci scrive segreti
e il mattino li cancella
alla vigile ragione

Gufi e cani
custodi di presagi
tessono trame al destino
e qualcuno tenta
disfarle con preghiere
magari cambiando religione

Macerano gli amori
distillano idilli
sbagliano le dosi
avvelenano l'unisono

Nelle città
i motori trafiggono la pace
e i cuori inseguono pistoni
avidi d'orgasmi

Falce la luna
miete ombre
l'accatasta al buio
le vende ai lampioni
occhi di meretrici
l'inglobano al mestiere
al suono di filigrana
-------------------------------------
Da: Soste Precarie
www.santhers.com

Sommo poeta

Messaggi: 1053

Iscritto il: 16/05/2010, 5:16

Messaggio 14/06/2015, 4:37

TEMPORALE

Timidi innamorati
recitano distrazioni
impattano gli ombrelli
e a scusarsi si scambiano
per la prima volta le voci
e scintillano sorrisi

Pozzanghere
girate a specchi da monelli
a riflettere sotto le gonne
e i copertoni si divertono
a interrompere l'agguato

I cani scrollano acqua dalle schiene
e gli spruzzi nella fretta
sui vestiti evaporano a grugni

Berretti colorati
oltre il raggio dei pensieri
puntellati dalle mani
ostili a geometrie
indicano portoni
lapidi al piattume

Qualche lampo muto
cade all'orizzonte
limite al grigiore

La vecchietta osserva i suoi fiori
assaliti da lumache
e benedetti dai ricordi
e uno passa per gli occhi
e fugge con le gocce

Uno squarcio azzurro al cielo
cratere di missive
ritornate agli implori
----------------------------
Da : Un Temporale Acclamato Con Nuvole Dirottate
www.santhers.com

Sommo poeta

Messaggi: 1053

Iscritto il: 16/05/2010, 5:16

Messaggio 19/06/2015, 4:20

MIETITURA

Dita frizionano spighe
e occhi vitrei
s'ammorbidiscono
al canto di grilli e cicale
e andirivieni di formiche

Ogni chicco incanta un pensiero
e milioni le bocche

Rumori d'ali in affanno
grano in caduta ai sacchi,
fremiti di ciglia ai mercanti
dipingono taccuini

Sabbia al deserto la farina
-pane, pietre focaie
a operai clandestini
convertiti a pomodori

Quadri gialli
solcati da mostri ingordi
scie di paglia digerita
e incendiata ad arrostire
l'ultima quaglia
e il fumo deride la calura

Morbido deserto, i campi
cimiteri d'animali attardati
supplicano nuvole a redenzioni

Il letto del sole
ha perso la sua ovatta
e i raggi riposano su tavolaccio
con ossa rotte pensano altri luoghi

L'ultimo pastorello
caduto dal suo sogno
vedeva tra spighe ricce
cornice a due scaglie di cielo
... occhioni del suo amore
--------------------------------------------
Da:Quando Gli Alberi Si Rifiutano Di Ospitare Le Foglie
www.santhers.com

Sommo poeta

Messaggi: 1053

Iscritto il: 16/05/2010, 5:16

Messaggio 22/06/2015, 4:05

UFFICIO POSTALE

Balli di bastoni e dentiere
all'ufficio postale
chiamati da impiegati
che a bassa voce
gli urlano il nome
tra occhi e orecchie
collegati da un filo
sopra l'abisso

Sedie piombate
al tambureggiare di ossa
numeri in fila
premiati a display
e a filigrana frusciante
al giro di giostra

Lamenti iracondi
bagnati da salive
tracimate da labbra snervate
cani a guardia d'artrite
tra consonanti e vocali

Colla, timbri e computer
futuro e regresso
al tiro di fune col senno di poi
arbitrati da un orologio
crocefisso ad un chiodo
e con i figli su polsi
che dondolano e giocano
a nascondersi a maniche

Una campana ricorda
che il tempo è anche rumore
e qualcuno paventa
a casa un sugo bruciato
mentre a mezzo giorno
due lancette in amplesso
intente a slacciarsi in discesa

Sbuffi e mugugni
tra piedi di statue
e accelerati sollievi,
traguardo il ritorno
---------------------------------------------
Da:Un temporale Acclamato Con Nuvole Dirottate
www.santhers.com

Sommo poeta

Messaggi: 1053

Iscritto il: 16/05/2010, 5:16

Messaggio 29/06/2015, 2:53

SABBIA E MIRAGGI

Accucciati a ombre volubili
cuori domati
dal silenzio
vociato dal vento
supplicano respiri
a regolarità placebo

Commercio a giro di fumo
cammelli e capre
illusorio cambio
tra barbe a calendario
e denti a specchi
al dialogo di riflessi

Occhi di brace
vedette d'oscurità vaganti,
donne attizzano libidini
nello scrigno del tempo

Tende, statiche al provvisorio
perpetuato
vele senza meta
spugne di voci a mitraglia
e cupole di gesti
alfabeto di sabbia
nel fruscio scrive
amalgama all'indefinito

Moneta coniata al luccichio
poggiata al drappo blu
il sole paga e riscuote
preghiere al creato

Dune,testamento
di tutti e di nessuno,
orme cancellate
sigillo al lascito

Nell'incavo di turbanti
il nido dei bambini
cibati tra grate di veli neri
---------------------------------------------
Da:Soste Precarie
ww.santhers.com

Sommo poeta

Messaggi: 1053

Iscritto il: 16/05/2010, 5:16

Messaggio 27/07/2015, 3:56

PENSIERI E CALURA

Ferie col binocolo
di gente in case di lamiere
che possono volare
e che non crede più in Dio
e si difende con iatture e scaramanzie

La parola patria, lapide di stupori
uccisi dall'indifferenza
e le facce bacheche ambulanti
ricercate dal fisco

Qualcuno ride per lanciare
di moda la noia
ma sommerso di smorfie
poggia all'orizzonte
i denti a tagliola
sperando d'intrappolare il domani

I vecchi seguiti da pensieri attardati
ogni tanto si fermano
si mettono un muro alle spalle
per non farsi sorpassare
da qualche scatto d'orgoglio
di un'idea malsana

Il mare, calda placenta di cagna
e i figli se la contendono a coperta
ma una sirena dice serve a coprire le ossa
stanche d'esser suonate dai pesci

Spugnosi cipressi assorbono
raucedini di voci
spezzate a tiro di fune
da smartphone che allenano i morti

Birre e vino annegano cocomeri
che eruttano coprendo rumori
di canzoni sbagliate e usate
a invettive da amori nati
da geometrie guerce di sguardi

I bambini allattano seni di sabbia
e quelli di madri usati a tarare
sui tetti banderuole che riproducono galli
col verso strozzato dal vento
---------------------------------------------------
Da:Sorrisi Pignorati
www.santhers.com

Sommo poeta

Messaggi: 1053

Iscritto il: 16/05/2010, 5:16

Messaggio 08/09/2015, 3:20

SPIAGGIA A SETTEMBRE

Ultimo bagliore
di un anello smarrito
coperto dalla sabbia
da un gabbiano che odia rimpianti

Bandiera che non cerca più vento
un reggiseno stanco
di sostenere declini
avvinghiato a un ramo
venuto dall'est

Lontano un vecchio
fa grondaia una mano
e si ripara dal sole
addormentato dietro una nuvola

Sfoglia le pagine del mare la brezza
e ogni tanto s'impunta
su frasi mancanti
ritornate al mittente

L'orizzonte un recinto
e si percepisce che non c'è valico
per implumi pensieri

Compatta la sabbia
sulla battigia
copre geroglifici di bimbi
e di amori che non si sono capiti
ormai fossili segni di dita
ordinati dai cuori

Un pallone sgonfiato
una rosa appassita
e una dentiera spezzata
da un amaro sorriso
cimeli d'un sorteggio d'autunno
presenziato da tablet

Il sole spedisce le valige
e le raggiungerà
dopo avere schedato
le ultime teste pelate
e partirà a notte fonda
lasciando appisolata la luna
dopo una copula
onde evitare retorico addio
----------------------------------
Da:Sorrisi Pignorati
www.santhers.com

Sommo poeta

Messaggi: 1053

Iscritto il: 16/05/2010, 5:16

Messaggio 09/09/2015, 5:06

FILOSOFIE DA CANI

Cani sotto la luna si pettinano l'ombra
e tentano con essa una copula
poi abbaiano nella notte
a volte solo per segnalarsi alla vita
o a fingere di fare il loro dovere
e spesso si scambiano pareri
qualcuno dice il mio padrone è della stessa specie
almeno così lo definiscono gli operai,
qualcuno risponde a noi non serve internet
e volpi e lupi non hanno tutti i torti
se non si sono lasciati corrompere
e che dire poi dei randagi
hanno assaggiato la galera
che garantiva il satollo
e preferiscono la fame
sfidando le pietre

C'è sempre uno che dissente su tutto
e afferma...voi andate fuori tema
la realtà è che ci fa comodo
avere il cibo gratis e poltrire sui tappeti
siamo come gli elettori,criticano tutto
ma poi s'accucciano ai politici
a una promessa d'osso,
la nostra è una filosofia da cani
e non certo di bella nomea
anche perchè gli stolti umani
paragonano i loro perpetuati errori
al nostro modus operandi
che nulla ha a che fare con l'umanoide agire
e qui faccio un esempio:
cantare da cani
or chiedo,siamo mai andati a esibirci a Sanremo?
--------------------------------------------
Da:Poesie Cialtrone
www.santhers.com

Sommo poeta

Messaggi: 1053

Iscritto il: 16/05/2010, 5:16

Messaggio 12/09/2015, 4:02

ARIA DI SETTEMBRE

Il vento gioca con le foglie
prima o poi le farà volare
verso atterraggio incerto
e qualcuna finirà nella bocca di una scarpa
chiederà ai piedi del deserto
e morirà su un granello di sabbia

Dal cielo s'avvitano piume usurate
da migrazioni verso dogane di fucili
e aghi di freddo pungono calure
sostenute da fumi che inseguono
minacciose nuvole diradate
osservate dietro berretti
sollevati a scudi da contadini
che scuotono il capo
alzano a coppa le spalle
a volerci mettere acqua Santa

I bambini seguono traiettorie di mosche
atterranti sui porosi nasi dei vecchi
insensibili al solletico ascoltano il ronzio
e fanno previsioni meteo
e a seconda, si lisciano l'inguine
corrugati sputano sul selciato
s'appisolano su pugni sovrapposti
masticano presagi
col dorso di dita ripristinano sguardi

Cambiano dorso reumatiche finestre
impigrite all'ombra di tende scolorite
e isolano sproloqui ritornati da vocii festosi

Un gracchio di corvo
annuncia il sorteggio del tempo
si pente l'ultima cicala
e nelle pieghe di una gonna
un grillo si gode la gelosia di un timido
---------------------------------------------------
Da:Soste Precarie
www.santhers.com

Sommo poeta

Messaggi: 1053

Iscritto il: 16/05/2010, 5:16

Messaggio 14/09/2015, 2:46

OROLOGI

Punture alla fretta,alla noia
all'ansia,al dolore
di silenziosi squittii,
topi meccanici
rosicchiano
rigurgitano
sommano attimi

Gareggiano
con pulsioni di cuori
perdono e vincono,
podio, uno sguardo
un grugno,un vanto,un rimiro

Incitati da fremiti
scossi sul morbido
s'arrendono
all'eterno inseguito,
a volte accelerano,barano
e redarguiti
da una vecchia campana

Implorati
da bramosie d'amanti
affettano attese
le danno in pasto
ai respiri

Orologi
misurati dall'anima
mai precisi all'umore

Orologi
portano a spasso
il capolinea ai pensieri
--------------------------------
Da.Soste Precarie
www.santhers.com

Sommo poeta

Messaggi: 1053

Iscritto il: 16/05/2010, 5:16

Messaggio 19/09/2015, 3:46

OMBRE

Ombre dei muri
invidiano quelle degli animali
che spariscono nei boschi
e trafitte da raggi di luce
si fondono col mistero
e si nutrono di respiri

Ombre
carta carbone dell'anima
in brutta copia
scritta dagli occhi
finti al calco
giocano a parodie
ruotano a figure
guardate al peggio
deformano nasi
e rincarano il deforme
a quelli già derisi da specchi

Bambini le usano
per uscire da se stessi
mentre i ladri
le temono
coscienze in avamposto
intente a tradirli

Ombre di amanti
inanellate da binocoli
alati da pupille
e comete di solitudini
si spengono dietro tapparelle

Ombre
pellicole mai impresse
girate a vuoto dalla luce
su recite di lati oscuri
della mente
---------------------------
Da : Quando Gli Alberi Si Rifiutano Di Ospitare Le Foglie

Sommo poeta

Messaggi: 1053

Iscritto il: 16/05/2010, 5:16

Messaggio 05/10/2015, 3:55

IL TEMPO

Il tempo è un traguardo da cui fuggire
ma siamo costretti a inseguirlo
per le scadenze che ci siamo dati
in un punto di effimera felicità
e per sorpassare il dolore che trasporta

Ogni giorno lo facciamo a pezzi
con orologi precisi
e poi ruotiamo il polso per congelarli

Notti e giorni,un gioco degli occhi
arbitrato dall'anima
e sugli spalti del circo la noia
pronta a fischiare la gioia

Poi ci sono le stagioni
seminano specchi
e collezionano rughe
mentre i capelli si fanno frecce
ad angusti pensieri

Calendario le foglie
ruotano ricordi a primavere future
ma spesso l'inverno nel cuore
sorteggia un nome
e in nero con a fianco una croce
lo scrive su una bacheca
ove qualcuno conta gli ammanchi
che l'altro ieri ha visto passare

Il tempo mago pirata
illude e depreda
e gli anni gendarmi
voltano spalle alla farsa
e cadono in un fosso

Il tempo è un tragitto
percorso veloce
e il traguardo il capolinea
da dove siamo partiti,
ci premia una befana
che ci ha preceduti
---------------------------------
Da:Soste Precarie
www.santhers.com

Sommo poeta

Messaggi: 1053

Iscritto il: 16/05/2010, 5:16

Messaggio 07/10/2015, 3:29

SCENE D'AUTUNNO

Foglie secche sull'asfalto
carta vetrata di passi
intenti a doppiare il precario

Sbuffi di vento
provano umori
giocano a respiri
oziosi alle panchine

Con nonchalance i rami
recitano inchini d'agguati
poi perdono il copione
e frustano attimi di pace

Crocevia di migrazioni una nuvola
smista chi parte e chi rimane
stanca s'ammorbidisce
si fa cuscino agli indecisi
e un raggio di sole
spada sulla visiera d'un berretto
s'addormenta

Cercano nelle tasche
i vecchi una moneta
con facce uguali
per scommettere sul domani
e siccome non la trovano
si assegnano la vittoria
con un sorriso fessurato
e la malinconia ne approfitta
entra nelle bocche
e si fa massaggiare dalle lingue

Code di cani a semicerchio
imitano bersagli
ad occhi in mira al vuoto
ma c'è sempre un monello
con un sasso riporta
l'orizzonte alla realtà

Passa una fanciulla
a cui ognuno somma
i propri anni per farsi un'età media
e accorciare la sua bellezza al sogno

L'ultima rondine smarrita
chiede a una rosa
in prestito il ritardo
-----------------------------------
Da: Quando Gli Alberi Si Rifiutano Di Ospitare Le Foglie
www.santhers.com

Sommo poeta

Messaggi: 1053

Iscritto il: 16/05/2010, 5:16

Messaggio 09/10/2015, 1:02

STELLE

Piazzole al cielo le stelle
ove sostano i desideri
per essere smistati
e ogni tanto qualcuna cade a terra
e una scia di luce additata dai bambini
che sorridono e si contano i dentini
ma sbagliano la conta
e quelli mancanti li cercano
tra le labbra delle madri

Stelle, scintille d'alcool dei vecchi
che vogliono incendiare
il cielo che l'inscatola
dentro l'orizzonte
e non possono fuggire
dagli anni sciacalli

Stelle,coriandoli del destino
vagano nell'infinito
mai si posano
sulle maschere

La notte, coperta scura
bucata da chiodi d'oro
pioli di una scala
per l'unica evasione dell'anima
da una badante che ci pascola
nel recinto di carcasse
-----------------------------------
Da.Pensieri Sparsi
www.santhers.com

Sommo poeta

Messaggi: 1053

Iscritto il: 16/05/2010, 5:16

Messaggio 09/10/2015, 3:13

VECCHIA CHIESETTA

Abbarbicata
a un monte
avvolto dalle pigrizie del tempo
con il campanile
sonda agli umori del cielo
la vecchia chiesetta
infestata di ragni
rispettosi a reliquie
riposano sulle loro amache
cullate da spifferi
da rugose finestre

Serpente assolato
scaglie il selciato
l'unica stradina
che a ogni curva
ha una nicchia
riflessione al desistere
e ai lati un muro
unto annerito da mani
in appiglio a fede e rigore
a sanzionare ogni dubbio

Sul tetto ciuffi d'erba alta
stendardo a ricordare
che la natura è essa stessa
il tramite ad alare le anime

Da feritoie, pagliuzze di nidi
e pigolii preganti
interrotti da rintocchi
a significare che la vera fame
è l'ignoto da riempire con armonie
da cercare in se stessi
e amalgamarle al creato

La lacrima d'una vecchietta
fa da specchio alla sua luce dell'anima
e il suo rosario una carrucola
che porta in alto speranze

Monito a scendere
vociato dal silenzio,
chi ha portato in alto falsità
saranno pietre rotolanti alle spalle
--------------------------------------
Da: Sorrisi Pignorati
www.santhers.com
PrecedenteProssimo

Torna a VersiSparsi



Chi c’è in linea

Visitano il forum: Nessuno e 1 ospite

cron

Gruppo Amici della Poesia www.amicipoesia.altervista.org (cercaci anche su Facebook, Twitter, Google+, Youtube) Verità e Nonviolenza sono Antiche come le Montagne
Powered by phpBB © 2000, 2002, 2005, 2007 phpBB Group.
Designed by ST Software. Hosted by MondoWeb. Viaggi