gianmario


ogni scrittore può aprire un topic con il proprio nome o pseudo, all'interno del quale pubblicare le proprie poesie per tornare ad aggiornarlo in seguito con nuovi scritti..

Moderatori: Luca Necciai, ito nami

Messaggi: 2

Iscritto il: 04/10/2009, 9:21

Località: chieti

Messaggio 04/10/2009, 9:28

gianmario

Compleanno della maestra Katia

Cara maestra Katia quando è il tuo compleanno i fiori sbocciano,
la primavera divena estate e il mare evapora di amore
Gli uccellini cinguettano,il cielo si schiarisce
Il sole canta, la luna splende di felicità.
Ogni desiderio si avvera in una delle tue cose preferite
La tua vita non è la stessa
Una cosa sparisce una compare di colpo nei tuoi pensieri
Il tuo cuore grida in faccia di dire la verità,il tuo coraggio si azzera
Il problema balza in faccia per un atto fatale
Tu non resisti all'idea di fare cose impossibili della tua norma umana
Perchè è il compleanno della maestra Katia!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!


___________
PINGY

C'era una volta un orsetto tenero e carino che si chiamava Pingy e i suoi amici si divertivano molto. Un giorno Pingy e i suoi amici calciano la palla in bocca a uno dei cani della signora Portelmen. Pingy e i suoi amici si danno da fare per recuperare la palla,però non ci riuscirono perchè i cani erano sempre lì. Allora Pingy disse"Non ci dobbiamo tirare indietro"allora si diedero da fare tutti insieme. Dopo cinque ore Pingy prese una scala saì nperò in quel preciso momento uno dei cani abbaiò e avvertì gli altri cani così Pingy non avrebbe portato a termine la missione. Dopo essere caduti dalla staccionata e aver fallito la missione, la signora Portelmen andò in Francia e Pingy dietro. Si nascose dietro i bagagli e suoi amici Marcus,Filippo e la piccola Giorgia gli andarono dietro. Dopo quaranta ore di viaggio arrivarono alla stazione di Marsilia. Pingy vede la sua palla in bocca a uno dei cani della Signora Portelmen. Allora Pingy decise di giocara d'astuzia:scese dall'auto e cacciò un succulento bisteccone di manzo e allora il cane mollò la palla che però finì in un treno. Allora Pingy fece un grande salto e finì nel grande treno. Pingy non conosceva nessuno in quel treno quindi lui aveva paura di queste persone. Lui non conosceva neanche la birra. Allora Pingy disseDove mi sono cacciato eeeee! E allora Pingy si diede da fare. Arrivò nel vagone 5.E scorse la sua palla che finì dietro un bagaglio e Pingy non l'ha vide più e allora Pingy triste e pensò che qualcuno l'ha presa. Allora pingy disse "mi arrendo basta". Ma proprio in quel momento la palla riuscì fuori e Pingy dalle sue lacrimine di tristezza si sono trasformate in lacrimine di gioia. E quindi Pingy ricominciò la sua avventura in Francia.


________________
IL SILENZIO

In un freddo giorno di inverno,il fruscio
delle foglie il vento che muove gli alberi
l'odore dell'inverno,il mare freddo le onde
che sbattono contro gli scogli.Le foglie
cadendi.il klacson delle auto.Il, rumore de panni
che sbattono contro i muri.I bambini giocano,parlano e ridono.
L'ambulanza con una sirena.Il tuo cuore si ferma e vuoi aiutare persone.
Il dovere ti chiama ma tu non reagisci all'impulso di fare di dire.
Un silenzio dopo che il solito "TIIII TIIII" che sentti nei film finisce.
Il paziente deceduto uscndo dall'ospedale .
I carri funebri che corrono verso la PACE.Tutto ciò è il SILENZIO.


________________________
TRISTEZZA

Quando vedi qualcuno che sorride,tu accogli la noia nella tua anima.
Quando vedi uno che gioca,pensi perché lui è libero e io no?
Quando vedi uno che ride,tu piangi per la disperazione.
Quando vedi uno consolato,rimani immobile e pensi:io non ho la forza per avanzare.
ma quando vedi uno che piange tu ridi,e poi ti domandi perché piange?
Forse una risposta c'è :la differenza. Non quella del colore della pelle manco quella dell'intelligenza, ma il modo di vivere civilmente.

Sommo poeta

Messaggi: 664

Iscritto il: 07/07/2005, 16:26

Località: bari

Messaggio 04/10/2009, 10:20

L'elencazione,sincopa questa poesia d'una scansione quasi ineluttabile.lugubre.Nere lenti tetrano il paesaggio.E' facile dir male della vita.,ma qualcosa di buono c'è anche nell'inverno.Coraggio,caro Gianmario,getta quelle lenti.
ito nami

Sommo poeta

Messaggi: 664

Iscritto il: 07/07/2005, 16:26

Località: bari

Messaggio 08/10/2009, 18:36

Caro Gianmario per un ragazzo di 8 anni,quello che scrivi sia come poesia che come è prosa è gia molto.Il resto verrà con la maturazione:esperienze di vita,lettura di classici della poesia e della prosa.Se son rose fioriranno dice un adagio popolare.Io non posso far altro che augurarti buona fortuna.
ito nami

Livello: POETA

Messaggi: 71

Iscritto il: 30/06/2015, 22:12

Messaggio 05/01/2017, 15:55

Re: gianmario

A8

Perché hai lasciato
I giochi di bimbo?
Perché sei arrivato
Ai confini del limbo?

Torna a VersiSparsi



Chi c’è in linea

Visitano il forum: Nessuno e 12 ospiti

cron

Gruppo Amici della Poesia www.amicipoesia.altervista.org (cercaci anche su Facebook, Twitter, Google+, Youtube) Verità e Nonviolenza sono Antiche come le Montagne
Powered by phpBB © 2000, 2002, 2005, 2007 phpBB Group.
Designed by ST Software. Hosted by MondoWeb. Viaggi